VISIONE e POSTURA

Vi siete mai chiesti se esiste un collegamento tra visione e postura?

Uno dei primi a parlarne fu Harmon, un optometrista americano, che comprese che visione e postura sono collegate e che, tutte le volte che svolgiamo un’attività di lettura o scrittura da vicino, esercitiamo anche un certo “controllo posturale”.

Una postura costante e bilanciata nel tempo agevola una buona visione e viceversa, una buona visione favorisce una corretta postura. Quindi possiamo affermare che visione e postura sono strettamente legate.

Durante lo svolgimento dell’attività da vicino i soggetti spontaneamente sporgono la testa e le spalle in avanti, producendo un dispendio energetico muscolare notevole e una errata postura.

harmon

Per questo è stato sviluppato un banco ergonomico (figura sopra) con un piano inclinato di 20° per permettere di mantenere il parallelismo tra volto e foglio; se usato aiuta a mantenere una corretta postura che rispetti la visione.

I primi a dover rispettare una corretta postura sono i bambini che, oltre a svolgere prolungate attività da vicino, sono ancora in fase di crescita e di sviluppo. Il mancato rispetto di una postura adeguata finchè studiano o fanno i compiti potrebbe portare a problematiche oculari e fisiche.

Ergonomia

La postura corretta è fondamentale anche per i videoterminalisti, posizioni poco ottimali al computer comportano disconfort all’apparato muscolo-scheletrico. La postura corretta al computer è quella nell’immagine soprastante: schiena dritta e piedi appoggiati a terra.

 

Se avete dubbi o volete ulteriori consigli saremo più che disponibili per rispondere alle vostre domande. Venite a trovarci!

 

 

Liberamente tratto da “l’Ottico” n 389